A soli 30 km da Marrakech, in direzione del massiccio dell’Atlante, si trova il deserto di Agafay. Questo gioiello della natura si propaga per centinaia di metri, vanta un ambiente naturale perfettamente conservato ed è ancora incontaminato dal turismo di massa.

Il deserto di Agafay è formato da pietra e rocce ed è stato per anni ignorato dai turisti per poi essere riscoperto negli ultimi tempi. Questa distesa di pietra, che varia dal bianco al beige, sembra non finire mai ed è accostata ad un paesaggio lunare. Numerosi accampamenti berberi sono sparsi tra le sue dune rocciose circondate da una rigogliosa vegetazione.

Viene comunemente chiamato anche “deserto di Marrakech” proprio per la sua vicinanza alla città rossa. Nascoste dietro alle tante colline del deserto si trovano delle piccole oasi e degli splendidi canyon scavati dalle violente alluvioni del wadi.

Ho acquistato l’escursione giornaliera per Agafay sul sito https://agafaydesertluxurycamp.com. Un autista è venuto a prenderci al nostro riad, nel centro della Medina di Marrakech, alle 9.00 del mattino. Dopo circa 40 minuti di auto siamo giunte al campo tendato agafay desert luxury camp dove ci è stato servito il tè.

L’impatto col paesaggio è surreale: non sembra possibile che a così poca distanza dalla città ci possa essere una meraviglia tale! Il silenzio e la pace che aleggiano nell’aria mi hanno subito colpita. Non riuscivo a staccare gli occhi da quella bellissima cartolina che mi circondava!

Per addentrarsi nel deserto vi sono due possibilità: utilizzare il quad o salire sul cammello. Data la mia condizione non avrei dovuto fare nessuna delle due cose… Ma il quad mi ha sempre attirata tantissimo e così ho deciso di salirci e di intraprendere il mio cammino tra le dune e i canyon. Il giro è durato circa due ore, con tappa in un accampamento dove un gentile signore berbero ci ha accolte all’interno della sua tenda e ci ha servito il tè accompagnato da frutta secca.

Al nostro ritorno al campo tendato ci è stato servito il pranzo. Ed è proprio qui che ho mangiato il tajine di pollo più buono di tutto il viaggio! Il personale del campo è stato molto gentile e mi ha aiutata in tutti gli spostamenti. Il terreno è sabbioso e in parte sconnesso e non vi è il bagno per disabili all’interno dei servizi igienici.

Credo, ma non ne sono certa, si possa effettuare il tour del deserto anche con un 4X4 ma non con questa escursione. In ogni caso vi sono diverse agenzie che propongono svariate gite all’interno della Medina a Marrakech.

Dopo aver atteso le mie compagne di viaggio di ritorno dalla cammellata, l’autista ci ha riportate in città. Ho pagato 120 euro per questa escursione della durata di 7 ore. Si, il prezzo è piuttosto elevato ma si trattava di un tour privato. Inoltre in Marocco i prezzi stanno aumentando… Credo sia per via del numeroso flusso di turisti!